Sfrecciare in città non è mai stato così veloce come con lo skateboard elettrico: questo è uno dei mezzi più innovativi per muoversi rapidamente in grandi città metropolitane dominate dal traffico di macchine e mezzi pubblici. Grazie a questo strumento si possono percorrere distanze maggiori con minor sforzo e nel totale rispetto dell’ambiente: ne consegue che, attraverso lo sviluppo di queste nuove tecnologie si sta virando verso la creazione di una nuova rete di mobilità sostenibile ed eco-friendly.

Skateboard o hoverboard?

Va precisato che lo skateboard elettrico non è un hoverboard, ma si tratta proprio dell’evoluzione della tavola tradizionale nato in California negli anni 60 per permettere, in un primo momento, ai surfisti di allenare l’equilibrio senza il mare mosso. Nonostante lo scopo iniziale, lo skateboard, simbolo della cultura underground, è diventato fin da subito un mezzo di tendenza tra i ragazzi più giovani per poi allargarsi ad un pubblico sempre più ampio.

La variante elettrica si compone di una tavola – in legno, plastica o carbonio – su cui appoggiare i piedi e 4 ruote: le 2 ruote posteriori sono dotate di motore per poter far avanzare la tavola mentre sulle 2 ruote anteriori sono posizionati dei sensori regolatori della velocità. Nonostante lo sviluppo di materiali più leggeri e dinamici come il carbonio, il materiale più utilizzato per la tavola è il legno, come negli skateboard tradizionali mentre sono alimentati da batterie al litio, come tutti i mezzi di nuova generazione. Possiamo distinguere diversi tipi di skateboard elettrico sulla base di alcune caratteristiche quali:

  • Dimensioni della tavola: questo ci permette di distinguere tra Longboard – tavola lunga, adatto ai principianti – e Pennyboard, le cui dimensioni ridotte lo rendono agevole per i bambini e per gli adulti più esperti
  • Velocità: è un mezzo che può viaggiare a velocità che vanno dai 10 ai 35 km/h;
  • Autonomia: a seconda della qualità della batteria, lo skateboard elettrico può percorrere fino a 25 km; una volta esaurita la carica, torna a funzionare come il modello tradizionale. La batteria si ricarica in circa 2-3 ore;
  • Movimento: si può muovere in salita, discesa e su strade cittadine o terreni più sconnessi.

guidare uno skateboard elettrico

Generalmente, usare questo tipo di mezzo è piuttosto semplice grazie dal momento che si tratta di un dispositivo autobilanciato. Tuttavia, per farlo in totale sicurezza – propria e di chi ci sta intorno – serve un pò di pratica: in un primo momento è consigliabile fare movimenti ridotti per imparare a stare in equilibrio sulla tavola ed è preferibile indossare protezioni (casco, ginocchiere, gomitiere) per la propria incolumità. Una volta imparate le basi, possiamo controllare il mezzo grazie ad un telecomando in grado di accelerare, frenare e controllare la velocità.

Lo skateboard elettrico Elwing è l’ideale per percorrere il tragitto casa-lavoro o casa-università con rapidità grazie alla modalità city dotata di 15 km di autonomia, così da evitare il traffico intenso nelle ore di punta. La forma aerodinamica e il peso ridotto agevolano i movimenti di guida fino a raggiungere i 30 km/h; inoltre la batteria ricaricabile in soli 45 minuti ne aumenta la frequenza d’uso.

Lo skateboard elettrico rappresenta ormai la nuova frontiera della mobilità sostenibile in città e con Paladin puoi noleggiarlo ad una cifra contenuta per scoprirne i numerosi vantaggi!

LEGGI DI PIÙ...

impianto stereo

Impianto stereo a casa: come creare il tuo!

Non è necessario avere in programma un pool party come scusa per costruire un impianto stereo che replichi fedelmente la ...
Leggi di più
macchina foto 360

Macchina fotografica per foto a 360: un nuovo modo di immortalare il mondo

Hai mai provato l’esperienza innovativa di fare foto a 360°? Se ancora non sapevi che è possibile farlo, sicuramente non ...
Leggi di più
Polaroid

Foto Polaroid, un classico senza tempo che si può noleggiare

Hai sempre sognato di poter connettere il presente al futuro? Tu che dello stile vintage ami praticamente tutto, l’ambientazione, la ...
Leggi di più