Al giorno d’oggi, visto l’alto tasso d’inquinamento dell’aria, è necessario provvedere quanto prima all’utilizzo di veicoli alternativi, scegliendo soluzioni green come l’auto elettrica e quella ibrida, o più semplicemente, optando per i mezzi di trasporto pubblici, la bicicletta e le lunghe passeggiate.

Mezzi di trasporto alternativi: per non inquinare

Forse non tutti lo sanno, ma le morti causate dall’inquinamento dell’aria, del suolo e dell’acqua sono tre volte più letali di quelle provocate da malattie o guerre. Si tratta di un dato molto importante da considerare, che dovrebbe fare aprire gli occhi alle persone e, ancora di più ai potenti che sono oggi al governo. L’inquinamento globale è ormai una certezza, non un semplice frutto della fantasia e, ogni giorno, la situazione peggiora sempre di più.

Nel corso degli anni, per ovviare a questa grave minaccia, molti imprenditori si sono messi all’opera e hanno progettato e realizzato mezzi di trasporto sempre più avanzati, i quali, per funzionare, non necessitano dei combustibili. È il caso, ad esempio, dell’auto elettrica: questa tipologia di automobile fece la sua prima comparsa sul mercato nel 1835 e fu tra i primi modelli inventati e commercializzati. L’inventore, un olandese di nome Sibrandus Stratingh, creò il primo motore elettrico, ispirandosi forse al precedente progetto di Anyos Jedlik, risalente al 1828.

Automobili elettriche

L’automobile in questione funzionava a batteria e per tale motivo veniva chiamata BEV; con il passare del tempo, tutte le componenti principali della nuova auto elettrica vennero pian piano migliorate, le vendite aumentarono e il prodotto fu riconosciuto e apprezzato a livello mondiale.

Ma nel 1896 tutto cambiò a causa dell’invenzione della prima automobile alimentata a benzina, ad opera di Henry Ford. La breve durata delle batterie e la poca autonomia delle macchine elettriche rispetto a quelle con motore endotermico fecero in modo che queste ultime soppiantassero sia i modelli elettrici, sia quelli a vapore.

Oggi, la maggior parte delle automobili elettriche prodotte ha un costo proibitivo e non tutti possono permettersi di acquistare questa tipologia di mezzi. Anche se la tecnologia è stata migliorata e le auto risultano più comode, l’autonomia è sempre poca e i sistemi per la ricarica della batteria non sono sufficientemente sviluppati. Non esistono sufficienti incentivi statali e al momento, le idee per una mobilità alternativa sono davvero poche.

Nuove soluzioni: mezzi alternativi

La soluzione sarebbe molto semplice: eliminare progressivamente dal mercato la produzione di automobili alimentate a benzina per favorire la vendita di auto elettriche, proponendo prezzi più abbordabili. Cosa fare dunque per diminuire le emissioni e ridurre l’inquinamento atmosferico? Le scelte non sono molte ma è possibile adottare un comportamento sostenibile sperimentando i diversi tipi di mezzi di trasporto alternativi presenti oggi sul mercato.

Stiamo parlando del bike sharing, di scooter e longboard elettrici e di monopattini, i nuovi protagonisti della cosiddetta green mobility, perfetti per girare in città. Se stai cercando un metodo per spostarti agevolmente su brevi distanze senza spendere molto e soprattutto, senza inquinare, Linky ed Ele-go possono offrirti la soluzione adatta alle tue esigenze.

  • Linky è un longboard pieghevole realizzato interamente in fibra di bambù e carbonio, è un prodotto leggero e maneggevole e la sua semplicità di utilizzo lo rende adatto anche per percorrere strade sconnesse e irregolari. Linky è perfetto per fare sport ma anche per rilassarsi e fare un giro in città ed è dotato di una modalità ecologica che consente di risparmiare sulla durata della batteria.
  • Ele-go è uno scooter elettrico, anch’esso pieghevole e realizzato in fibra di carbonio. Una delle sue caratteristiche principali, oltre alla resistenza agli urti e alla flessibilità è sicuramente la facilità di utilizzo: la chiusura rapida (one-click) consente infatti di aprire e ripiegare lo scooter in modo semplice e veloce. Il sistema di ricarica di Ele-go è senza fili e per avere la batteria completamente carica occorrono soltanto due ore; questo garantisce un’autonomia di 20 km.

Se vuoi contribuire a ridurre l’impatto ambientale provocato dalle emissioni, puoi provare a modificare il tuo stile di vita e ad adottare un comportamento sostenibile, scegliendo un mezzo di trasporto elettrico; questa soluzione farà davvero la differenza!

LEGGI DI PIÙ...

videogiochi

I videogiochi più popolari del momento

Per quanto passi il tempo e cambino le generazioni, i videogiochi sono sempre una parte importante della vita di moltissimi ...
Leggi di più
inquinamento

5 consigli per contrastare l’inquinamento

Il problema dell’inquinamento è ormai una triste realtà. Non solo ogni anno le condizioni in cui viviamo peggiorano drasticamente, ma ...
Leggi di più
Il Brand della settimana: frullatori Blendtec

Il Brand della settimana: frullatori Blendtec

Blendtec è il gruppo americano leader mondiale nella produzione di frullatori commerciali e professionali dotati delle tecnologie più avanzate in ...
Leggi di più